Stefano Staffa Architettura e Design | CHIESA E CASA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA – MOLINACCIO

CHIESA E CASA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA – MOLINACCIO

Molinaccio – Nocera Umbra – Umbria – Italia

Il termine Molinaccio ricorda il mulino del castello di Salmaregia, che una volta abbandonato fu ricordato in senso dispregiativo. La chiesa fu costruita nei primi anni successivi alla seconda guerra mondiale e ristrutturata ed abbellita negli anni ’60. (Notizie storiche a cura di Don Angelo Menichelli). L’impianto della chiesa è una figura quadrangolare con ingresso frontale sul lato corto ed è costituita da una navata principale, due cappelle laterali e l’abside posta in fondo sulla prosecuzione della navata. Le dimensioni esterne sono di ml. 25 x 10.5 circa senza comprendere le due cappelle laterali che hanno dimensioni di ml. 6.4 x 3.5. La casa parrocchiale è una costruzione su due livelli costruita in aderenza alla chiesa nella parte posteriore laterale sinistra di dimensioni esterne ml. 12,0 x 14,0. A seguito del sisma del 1997 le murature portanti della chiesa hanno subito lesioni verticali diffuse e gravi negli spigoli e negli attacchi delle murature longitudinali con le cappelle laterali. Nella struttura del tetto si potevano riscontrare gravi danni determinati dal distacco e la scomposizione delle capriate dalle murature di sostegno. All’interno della chiesa ,come nella canonica, si potevano notare lesioni passanti anche sulle volte e sugli archi.
L’intervento principale ha riguardato la realizzazione di un giunto sismico fra i due corpi (chiesa e canonica) realizzando una nuova muratura portante per la struttura della canonica. Inoltre nella canonica è stata allargata la base fondale tramite cordoli armati e creati nuovi setti murari di controvento nella direzione più debole ottenendo un notevole miglioramento sismico-strutturale. Nella chiesa si è intervenuti consolidando le murature tramite perforazioni armate su tutti gli angoli. Nella copertura come nella vela campanaria è stato realizzato un cordolo in acciaio ancorato alle murature esistenti sottostanti mediante perforazioni armate.
Resine sintetiche e tessuto ad alta resistenza nell’estradosso delle volte ha riguardato l’intervento di consolidamento e conservazione delle volte.

Anno 2005-2007

Progettazione e D.L.

Stefano Staffa Architettura Design
Arch. Stefano Staffa

Collaborazioni

Strutture: Ing. Francesco Ardino – Ing. Federico Frappi – via dei Filosofi – Perugia

Costruzione

Costruttore: Pierotti Carlo S.n.c. di Pierotti Carlo & C. – Gubbio – Perugia
Committenza: Diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino – Parrocchia di Molinaccio